17/01/2024 01:55

Previsioni a breve termine

 

Situazione

aggiornamento: 22/02/2024

Buongiorno. Il cielo grigio di oggi non è che l'altra faccia di questo mite inverno (o autunno?) che si dondola fra giornate anticicloniche ed altre più uggiose. Il cambiamento è alle porte, con l'imminente crollo del robusto anticiclone. Nelle ultime 24 ore, infatti, la pressione ha perso 14 ettopascal, e scenderà ulteriormente nel corso di questi giorni, grazie all'instaurazione di un persistente regime ciclonico che ci accompagnerà alle soglie della primavera meteorologica. L'aria che entrerà sarà di natura polare-marittima, dunque moderatamente fredda solo in quota, e pertanto il rientro delle anomalie - divenute oramai normalità - a cui si assisterà alle quote superiori non si propagherà con la medesima entità al suolo. Insomma, una situazione molto simile a quella osservata a febbraio di appena un anno fa, anche in quel caso a fine mese. Si tratterà di correnti di Libeccio molto tese, che tuttavia consentiranno una discreta finestra piovosa lungo il canale Genova-Milano, con coinvolgimento parziale anche della nostra provincia. Un primo passaggio prefrontale arriverà nel pomeriggio-sera odierno, seguito da una pausa dei fenomeni e da una loro ripresa, con intensità maggiore e a tratti forte (specie sui rilievi) all'ingresso del fronte freddo delineato da un forte ramo ascendente della jet-stream, con tempistica di poco precedente l'alba di venerdì. Spoiler: tornerà la neve sui 1000 mt in Appennino. Occhio al vento sui rilievi oggi e domani!

Previsioni

venerdì 23: cielo coperto con raffiche di vento da E moderate in pianura, di burrasca da SSW sui rilievi e nelle valli appenniniche della provincia (specie quelle orientate in quella direzione, ovvero quasi tutte), a seguire fenomeni intensi su tutta la Val Tidone in una breve finestra temporale tra le 4 e le 8, dopodichè immediati rasserenamenti con nuvolosità variabile e raffiche di vento moderate da NW, con rialzo termico associato; temperature comprese fra +6°C e +13°C. Neve in possibile abbassamento fin verso i 1100 mt, accompagnata da colpi di tuono, con accumuli rilevanti sulle vette oltre i 1500 mt, dove saranno possibili anche 20-40 cm.

sabato 24: cielo quasi sereno nella notte, con possibilità di nebbia per un rientro da E, venti sempre tesi in collina; nel corso della giornata passaggio temporaneo a cielo coperto o molto nuvoloso; temperature in calo fra +2°C e +12°C, venti sempre forti sui rilievi appenninici.

domenica 25: nuova perturbazione, con cielo coperto e pioggia moderata dalla sera, a partire dai rilievi, con quota neve inizialmente attorno ai 1000 mt sulle cime rivolte verso la pianura, ma in successivo rialzo rapido; temperature tra +4°C e +10°C, venti da E moderati, tesi da SW in montagna.

tendenza: lunedì, la terza fase perturbata del mese di febbraio entrerà nel vivo, con fenomeni abbondanti specie sul Piemonte (grazie a correnti molto meridionali). Ciò determinerà tuttavia un forte rialzo termico alle quote superiori, con la neve che cederà spazio alla pioggi anche sulle vette, rimanendo relegata a quote basse solo sul Piemonte occidentale, dove si avranno nevicate copiose.

Radar delle precipitazioni

Scritto da Mariano Strozzi | Permanent Link | Home